Leggi il Vademecum per la tutela dei propri diritti

Ultimo aggiornamento: 9 gennaio 2022

  • Si conferma che le scuole non possono in nessun caso chiedere lo stato vaccinale Covid19 per poter valutare le quarantene differenziate in caso di positivi in classe secondo quanto previsto dal DL n.1/2022. In applicazione della nota congiunta n. 11 del 8 gennaio 2022, che richiama la nuova normativa, i requisiti per poter frequentare in presenza, seppur in regime di auto-sorveglianza, devono essere dimostrati dalla famiglia dell’alunno interessato. L’istituzione scolastica, per effetto dell’intervento legislativo, è abilitata, solo in questo specifico caso, a prendere conoscenza dello stato vaccinale degli studenti le cui famiglie desiderino comunicarlo. Ai sensi di quanto previsto dalla norma di legge, infatti, nell’ipotesi in cui si siano verificati due casi positivi nella classe, è consentito proseguire la didattica in presenza solamente “per coloro che diano dimostrazione di avere concluso il ciclo vaccinale primario o di essere guariti da meno di centoventi giorni oppure di avere effettuato la dose di richiamo […]”. Sono le famiglie degli alunni, dunque, che se lo desiderano possono comunicare lo stato vaccinale dei propri figli per permettere loro di frequentare in presenza. Se le famiglie non comunicano alla scuola lo stato vaccinale dei figli, per loro le lezioni avverranno a distanza per 10 giorni.
  • 9 gennaio 2022 – Ministero della Salute: per i contatti stretti non vaccinati “rimane inalterata l’attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.” (Circolare di aggiornamento sulle misure di quarantena e isolamento) Chi non desidera effettuare il test del tampone, per rientrare a scuola deve osservare un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso (Circolare del 12/10/2020: Indicazioni per la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena)
  • 8 gennaio 2022 – Ministero dell’Istruzione e Ministero della Salute: Indicazioni operative su gestione positività a scuola Art. 4 dl n. 1-2022
  • Definizione di “contatto stretto”: Rapporto ISS COVID-19 n.53/2020 (Tabella 1, pag. 6)
  • 12 ottobre 2020 – Ministero della Salute: “I contatti stretti di casi con infezione da SARS-CoV-2, confermati e identificati dalle autorità sanitarie, devono osservare un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso” (senza tamponeOPPURE un periodo di quarantena di 10 giorni + test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno (Circolare del 12/10/2020: Indicazioni per la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena). “(Si raccomanda di) non prevedere quarantena né l’esecuzione di test diagnostici nei contatti stretti di contatti stretti di caso (ovvero non vi sia stato nessun contatto diretto con il caso confermato)”
  • Ottobre 2020 – ComiCost: Autocertificazione per il rientro dello studente/operatore scolastico nell’ambito dei servizi educativi per l’infanzia e nelle scuole di ogni ordine e grado in caso di assenza per patologie non correlate a Sars-CoV-2
Categorie: Guide