I professionisti dell’educazione, riuniti nel movimento La Scuola Che Accoglie, dicono NO all’obbligo delle mascherine a scuola e al distanziamento auspicati nel “documento tecnico” del 28 maggio 2020 e chiedono a insegnanti, educatori e cittadini italiani di firmare le Petizioni per una “Scuola reale”, di firmare l’Appello per la Scuola – Lettera al Parlamento e di manifestare pacificamente il proprio dissenso promuovendo la diffusione a macchia d’olio del Manifesto per la Scuola, sottoscritto da numerosi movimenti, gruppi e associazioni.

“Proponiamo a cittadini, ragazzi e bambini di manifestare indossando quotidianamente la felpa o la maglietta col Manifesto fino a quando le scuole non apriranno senza distanziamento”


“La scuola respinge con coraggio il distanziamento dei bambini e dei ragazzi, l’abuso delle tecnologie e l’obbligo di dispositivi di protezione che vadano a discapito delle relazioni umane”

Questo è il momento delle scelte: ciò che ci viene imposto come necessità  – per chissà  quanto tempo – è inaccettabile.

Le regole in una società  civile sono necessarie, ma ciò a cui stiamo assistendo da mesi equivale a un suicidio della vita civile e alla morte dell’umanità  che dovrebbe contraddistinguere ognuno di noi.

Il progresso tecnologico è auspicabile, ma quando viene svuotato dell’umanità  – sua creatrice – diventa un’arma terrificante in grado di rubarci l’anima.

Il distanziamento dei bambini e dei ragazzi, imposto oltre ogni ragionevole senso, è l’inizio di una lenta agonia spirituale che rischia di arrecare danni psicologici permanenti ai nostri figli.

L’uso smodato e irrazionale delle mascherine non solo è dannoso per la salute, ma è un chiaro assenso di servilismo volontario senza se e senza ma: un resa senza condizioni.

La normalità  che ci attende è ancora in divenire e non sarà  di certo quella che vorrebbe delineare qualcun altro al posto nostro: abbiamo ancora la possibilità  di scegliere!

Non è più il tempo di delegare né di attendere un nuovo messia, sia esso un vaccino o un nuovo movimento politico: ognuno di noi singolarmente può fare la differenza agendo autonomamente, in sincronia e in sintonia con decine, centinaia, migliaia, milioni di altri esseri umani!

Ringraziamo Francesco per il suo Appello alla dignità al quale ci siamo liberamente ispirati.

Leggi l’articolo su La Tecnica della Scuola
Leggi l’articolo su Orizzonte Scuola